Genius Loci

L’Area Ex Pagnossin si trova in Via Noalese 94,
tra Treviso e Quinto di Treviso, a poca distanza
dall’aereoporto Canova di Treviso.

Storia

L’area Ex Pagnossin, ora Open Dream Zanardo, è uno stabilimento per la manifattura della ceramica artistica che per oltre 90 anni ha costituito uno dei punti di riferimento del tessuto industriale del Nord Est.
La storia inizia nel 1915 quando Angelo Pagnossin rileva un’avviata fabbrica di laterizi. Alla fine della seconda guerra mondiale inizia, con un piccolo forno a tunnel, la produzione di ceramica prima “dolce”, perché a base calcarea e poi “forte” con base feldspatica. Le decorazioni sono a mano, spesso in oro zecchino, ed il reparto diviene una sorta di “cenacolo d’artisti” tra cui si ricordano Mario de Tuoni, Dal Bò, Malossi, Trabucco.
Il legame col mondo dell’arte sarà una costante della Pagnossin, che negli anni ’70 collabora col trentino Riccardo Schweizer, amico di Picasso, Manrique e del “circolo” di Vallauris e, negli anni ‘80 con Giorgetto Giugiaro e Ottavio e Rosita Missoni.
Negli anni successivi, sotto la guida di Giulio, figlio del fondatore, Pagnossin raggiunge una serie impressionante di primati: prima azienda al mondo non legata al petrolio o al tabacco che sponsorizza un team di Formula 1, prima ad ottenere il prestigioso certificato di “qualità totale” ISO9002 rilasciato dal Llyod’s Register Quality Assurance. Per non dire della richiesta del Victoria & Albert Museum di Londra di avere alcuni modelli per le proprie collezioni permanenti.
La storia industriale della Pagnossin termina nel 2007 ma non la fama di questo marchio, che ancora oggi resta un simbolo di eccellenza nel nostro territorio.

Descrizione e ubicazione

100.000 metri quadrati, di cui 55.000 coperti; di questi, 42.000 sono edifici storici.
Un imponente spazio a ridosso della città, ad appena 1 chilometro dall’aeroporto Canova di Treviso, 30 dal Marco Polo di Venezia, epicentro di quel fitto tessuto industriale che si sviluppa tra le province di Treviso, Venezia, Padova, Vicenza.
L’area Open Dream Zanardo si affaccia a un mondo di eccellenze industriali –  dal  tessile al calzaturiero, dal manifatturiero all’enogastronomico- ma anche culturali, artistiche e naturalistiche.
Venezia, Vicenza, Padova, Asolo, Bassano del Grappa sono solo alcune delle località di impareggiabile interesse storico, culturale e artistico. Qui si svolgono ogni anno appuntamenti internazionali capaci di calamitare l’interesse del mondo intero- si pensi al Festival del Cinema di Venezia o alla Biennale d’Arte e di Architettura.
Un territorio unico anche per varietà, incastonato tra le superbe vette delle Dolomiti, la laguna di Venezia con il suo immenso patrimonio biologico, faunistico e floristico e le spiagge del litorale che ogni anno accolgono milioni di turisti. Proprio a Quinto di Treviso si estende poi il delicato Parco del Sile e da qui parte la pista ciclabile Treviso- Ostiglia, ricavata dalla trasformazione di un’ex ferrovia militare: esempi di bellezze paesaggistiche meno note, ma altrettanto suggestive.

Genius loci

Patrimonio industriale, culturale, artistico, naturalistico di un territorio. Talento, ingegno, sensibilità, spirito visionario dei suoi abitanti. È questo il genius loci di uno spazio che oggi è pronto a riprendere vita secondo modalità nuove.
Sono tante le suggestioni per quest’area industriale, pronta oggi ad accogliere e interpretare nuove destinazioni d’uso e nuove opportunità di sviluppo, riconoscendo ancora una volta il primato delle persone e delle idee.

Copyright © 2013 Zanardo SpA P.IVA 03321210274. All rights