Opendream
26 ottobre – 5 dicembre 2021

Silvia LEVENSON

Nei suoi lavori, esplora lo spazio sottile situato fra ciò che si vede e ciò che si intuisce e usa il vetro come una lente di ingrandimento per osservare da vicino i conflitti nelle famiglie e nella società. Attraverso le sue sculture e installazioni indaga sulle zone di confine che possono essere le mura domestiche oppure le frontiere.

Silvia Levenson è nata in Argentina in 1957. Ha lasciato il suo paese per scappare della dittatura militare nel 1980.
La sua mostra itinerante “Identidad Desaparecida” è partita dalla Casa delle Nonne di Plaza de Mayo nell’ex campo di concentramento Esma a Buenos Aires nel 2015 ed è stata esposta a La Plata, Montevideo, Washington, Portland, Barcellona, Parigi, Riga, Tallin, Venezia e nella Repubblica Dominicana.
Il suo progetto più recente, realizzato assieme a Natalia Saurin è “Il luogo più pericoloso”: un’installazione di 120 piatti da cucina che riportano frasi usate dai media e dalla nostra società per banalizzare la violenza contro le donne. L’installazione è stata sposta nel 2019 a Firenze al Cortile del Michelozzo, nel 2020 presso la Casa Argentina di Roma e doveva essere installata presso il Cortile del Palazzo Reale il 25 di novembre 2020, ma a causa del lockdown è stata sostituita da un’azione realizzata assieme a un gruppo di donne a piazza Duomo.
Nel 2004, Levenson riceve il premio Rakow Commission Award al Corning Museum of Glass, nel 2008 è finalista al Bombay Sapphire Prize e nel 2016 riceve The Glass in Venice Award da parte dell’Istituto Veneto.
I suoi lavori fanno parte di numerose collezioni pubbliche come il Museo del Castello Sforzesco di Milano, il New Mexico Museum of Art, Houston Fine Art Museum, Toledo Museum of Art, Mint Museum negli Stati Uniti, Sunderland Glass Museum in Inghilterra, Museo Provincial de Bellas Artes a La Plata, Buenos Aires, Alexander Tutsek-Stiftung in Germania MUDAC Lausanne in Svizzera, Casa de Las Américas en Cuba e la Fondazione Banca San Gottardo.

Opendream
26 ottobre – 5 dicembre 2021

Orari di visita:
Venerdì – Sabato e Domenica
ore 16.00 – 19.00

oppure su appuntamento:
info@opendream.it
345.5831512

Progetto di:
Martina Cavallarin

A cura di:
Martina Cavallarin

Co-curatore:
Antonio Caruso